Conosci davvero l'aceto balsamico di Modena? Sfatiamo i falsi miti

21 Sep 2018
 Espressione di un passato millenario che risale agli antichi Romani, l’aceto balsamico di Modena è il frutto di un sapere familiare tramandato di generazione in generazione nella tradizione modenese come un tesoro da preservare nei secoli.
Per coglierne il valore, basti pensare che, all’epoca dei Ducati emiliani, le botti utilizzate per la conservazione di questo prezioso condimento venivano inserite
nei testamenti e nelle doti delle giovani spose nobili in quanto considerate veri e propri beni patrimoniali, simbolo di ricchezza e di potere.

Oggi c’è chi afferma che l’aceto balsamico faccia più male che bene. A causa della sua naturale acidità, in molti lo reputano dannoso per l’apparato digerente. Altri, invece, associandolo erroneamente al vino, ritengono che provochi gravi problemi al fegato e addirittura alla prostata. Niente di più sbagliato, soprattutto se il consumo si limita a qualche goccia al giorno.

Tralasciando coloro che soffrono di malattie come il reflusso gastroesofageo per i quali è effettivamente controindicato, l’aceto balsamico è un eccellente alleato della nostra salute. E in pochi lo sanno. Vediamo quali sono i suoi benefici.

 

Vuoi scoprire tutti i prodotti del variegato mondo del balsamico e il loro uso  in cucina? Scarica la nostra guida completa!

 

Elisir dalle proprietà antisettiche

Già il nome la dice lunga: il termine “balsamico” viene attribuito all’aceto tradizionale di Modena nel Medioevo per indicarne le capacità medicinali, poiché allora si pensava prevenisse la peste. Sicuramente ha una funzione antisettica: se diluito con acqua e utilizzato per fare gargarismi, è ottimo per lenire il mal di gola e la tosse. Inoltre, è molto utile sulla pelle e può essere frizionato sulle cuti grasse e acneiche per normalizzare il sebo e migliorarne l’aspetto.

 

Lotta ai radicali liberi

L’aceto di Modena è ottenuto dalla cottura del mosto di vino che contiene i flavonoidi, un gruppo di composti chimici naturali noti per le elevate proprietà antiossidanti in grado di ridurre gli effetti negativi dei radicali liberi, tra cui invecchiamento, calvizie e insorgere di malattie cardiovascolari o neurodegenerative.

 

Componente importante di una dieta sana

Il balsamico non contiene colesterolo e si caratterizza per un contenuto calorico molto ridotto: indicativamente, appena 88 calorie per 100 grammi di prodotto. Per questo motivo, è preferibile ad altri condimenti grassi e ipercalorici, come l’olio vegetale, il sale e il burro. Inoltre, è in grado di allungare leggermente la quantità di tempo necessaria per completare la digestione (prolungando così il senso di sazietà) e di bruciare i grassi del nostro corpo.

Oltre ad essere un buon amico per chi è attento alla linea e vuole dimagrire, il balsamico è consigliato a chi segue diete o regimi alimentari particolari, per esempio gli sportivi o coloro che non mangiano carne. Infatti, è un potente integratore di sali minerali e contiene sia vitamine (A, B, C) che sostanze essenziali per il benessere dell’organismo (potassio, calcio, fosforo e magnesio).

Attenzione, però: nonostante sia ammessa l’aggiunta di caramello come stabilizzante del colore per conferirgli la caratteristica tonalità bruna (fino a un massimo del 2% del volume del prodotto finale), un aceto di Modena di qualità non deve mai contenere traccia di zuccheri aggiunti.

 

Altre curiosità

Queste appena viste sono le principali qualità benefiche dell’aceto balsamico di Modena. Purtroppo, nonostante sia sempre più diffuso sulle nostre tavole e rappresenti un’eccellenza tutta italiana, si tratta di un prodotto ancora poco conosciuto. Lo dimostra l’utilizzo molto limitato che spesso se ne fa in cucina: come condimento per l’insalata e la frutta (fragole in primis) oppure come guarnizione per i piatti gourmet.

In realtà, è un prodotto estremamente versatile e il suo caratteristico sapore agrodolce si sposa perfettamente con una grande varietà di pietanze, non solo della tradizione culinaria modenese. Ad esempio, può accompagnare molto bene formaggi, primi piatti, secondi di carne e dolci, meglio se al cioccolato. L’importante è aggiungerlo per ultimo, sempre a crudo, cercando di non superare il dosaggio di un cucchiaio a persona.

Un’ultima curiosità: a differenza di altri alimenti, la qualità dell’aceto balsamico di Modena migliora con l’età. Infatti, con il passare degli anni, tende ad addensarsi e a diventare corposo. Inoltre, perde l’acidità iniziale, acquisendo un sapore più delicato che risente dell’aroma del legno pregiato delle botti in cui è conservato, solitamente castagno, rovere o ciliegio. Il risultato è un prodotto dal gusto unico, particolarmente denso e dolce.

 

scarica la guida i prodotti a base di balsamico e il loro uso in cucina

 

MUSSINI NEWSLETTER

Condividi sui Social