Come scegliere nuovi prodotti alimentari se sei un distributore di alta qualità

07 Aug 2017

Diventare un distributore di cibo di alta qualità o espandere il tuo business dopo aver raggiunto un certo livello di successo richiede una profonda conoscenza del mercato in cui si opera, oltre che a una chiara idea di come ci si vuole posizionare all’interno di esso. Può sembrare semplice, ma ogni giorno molte aziende aprono e chiudono rapidamente proprio per questa mancanza di conoscenza approfondita del proprio settore.

Il problema è che il mondo del marketing, delle vendite e del commercio all'ingrosso è pieno di preconcetti sbagliati e di insidie in cui è facile cadere, soprattutto quando i profitti nel breve termine sono più alti della sostenibilità a lungo termine.

 

Scegliere il produttore alimentare giusto per la tua attività non è facile: scarica gratis il nostro ebook sui 6 passi 

 

Una volta che i tuoi clienti perdono la fiducia nel prodotto, riacquistarla sarà molto difficile e molti non torneranno mai più ad affidarsi a te. Si può perdere la fedeltà dei consumatori se si offre un prodotto di bassa qualità e il marchio ne risentirà nel lungo periodo.

Tenendo presente questo aspetto, è importante focalizzare la tua attenzione sulla qualità del prodotto, sulla capacità di essere a conoscenza delle ultime tendenze e di comprendere le esigenze dei tuoi clienti. Detto questo, esaminiamo cinque regole per mantenere un profilo di alta qualità come distributore.

 

La qualità prima di tutto


Sembra ovvio dirlo, ma la qualità dovrebbe essere il punto fondamentale su cui basare l’offerta che si dà ai propri clienti. Dopotutto, se si offrono dei prodotti ben al di sotto dello standard, per quale motivo i clienti dovrebbero acquistare da te?

I consumatori sono disposti a pagare di più per prodotti di alta qualità e per ingredienti selezionati che sono la base delle ricette più autentiche. Conviene perciò offrire ai propri clienti alimenti di alta qualità che non possono essere trovati altrove e che sono stati realizzati seguendo dei metodi tradizionali.

In un mondo dove sempre più aziende cercano di risparmiare, è raro trovare prodotti di qualità superiore che provengono direttamente dai luoghi dove vengono prodotti. I consumatori non solo apprezzeranno lo sforzo fatto per ricercare le materie prime migliori, ma si creerà anche un rapporto di fedeltà duraturo nel tempo.

 

Affermati nel mercato e studia la concorrenza


La quota di mercato può essere calcolata sulla base di quanti consumatori potrebbero acquistare da te e quanti effettivamente ti hanno scelto come loro fornitore. Sebbene possa sembrare semplice, la chiave per sopravvivere nel settore risiede in questa semplice verità. Ottenere e mantenere la quota di mercato rappresentano le preoccupazioni primarie di ogni distributore.

Tutte le decisioni strategiche dovrebbero prendere in considerazione come queste andranno a modificare la quota di mercato del proprio business. Una chiara comprensione dei concorrenti all’interno dello stesso settore può portare alla rivendicazione della nicchia di consumatori a cui si sta puntando. Una volta individuata questa, scegliere i nuovi prodotti alimentari che si vogliono distribuire sarà una decisione semplice.

Quando i concorrenti dispongono di una grande quota di mercato in settori specifici di attività, la definizione dei loro punti deboli può essere una solida base per iniziare ad espandere il proprio business. Questo, naturalmente, inizia con lo studio e la comprensione delle posizioni dei concorrenti e delle esigenze del cliente.

 

Sfrutta la stagionalità


Uno dei metodi più efficaci, ma anche uno tra i più trascurati, per affermarsi sul mercato è capire come ottenere il massimo rendimento dai propri punti di forza in determinate stagioni.

La qualità dei prodotti alimentari dipende anche molto dalla loro freschezza e dalla stagione nella quale vengono creati. Gli alimenti fuori stagione non solo solamente di una qualità inferiore, ma sono anche più costosi e contengono sostanze artificiali usate per la loro crescita.

Si può evitare questa situazione acquistando grandi quantità di ingredienti quando si è nella stagione giusta e organizzando il magazzino in modo efficace, con un piano a lungo termine che preveda la rotazione dei vari prodotti disponibili. In più, specializzarsi nella distribuzione di alimenti di stagione permette anche di raggiungere nuovi clienti attenti a queste caratteristiche.

 

Punta al giusto mix tra innovazione e tradizione


I prodotti alimentari d’impronta tradizionale e storica hanno sempre un certo appeal tra i consumatori, che ne percepiscono facilmente il valore derivato da anni e anni di produzione artigianale.

Allo stesso tempo, però, a questi prodotti se ne possono accostare di nuovi, che diano una sferzata di innovazione alla tua offerta di distributore. Così facendo, non solo aumenta la scelta per i clienti, ma si impreziosisce anche l’offerta nella sua interezza. Essa viene infatti arricchita da accostamenti inediti che sicuramente attireranno l’attenzione.

Ad esempio, se si distribuiscono prodotti artigianali come salumi e formaggi di qualità, perché non abbinare alla proposta anche delle salse e dei condimenti innovativi per accompagnarli? Le novità in questo campo sono moltissime, e possono dare un tocco interessante a quei prodotti che, altrimenti, rischiano di risultare sempre fin troppo fedeli a sé stessi.

Affermarsi come distributore di alta qualità non è sicuramente un percorso facile ma, una volta che i consumatori si fideranno del brand, percepiranno la qualità superiore dei tuoi prodotti e continueranno a comprarli negli anni con soddisfazione. Se riesci a conquistare questo tipo di fiducia, sarai già sulla strada giusta per il successo.

 

New Call-to-action

MUSSINI NEWSLETTER

Condividi sui Social