Ami il gusto dell'aceto balsamico? Provalo nel vero Italian street food!

11 Sep 2018
L’Italia, si sa, è un Paese ricco di tradizioni: non solo arte, musica, letteratura e storia ma anche (e soprattutto) buon cibo. Da Nord a Sud, infatti, un territorio ricco e variegato fornisce da sempre materie prime di alta qualità che, nel tempo, hanno permesso alle massaie, agli chef e ai produttori locali di mettere a punto e perfezionare le più disparate e gustose ricette.

Ogni regione (per non dire ogni paese) può così vantare piatti di mare e di terra, di lago e di fiume apprezzati non solo dai locali ma anche dai palati di tutto il mondo. Tra tutti questi prodotti tipici non si può non citare l’aceto balsamico, una delle grandi eccellenze del territorio modenese e dell’intera regione emiliana che, nel tempo, ha conquistato i consumatori e i loro gusti alimentari.

 

Street food, una definizione ufficiale

Non è infatti un caso che, in tempi recenti, quello che viene chiamato l’oro nero di Modena venga sempre più apprezzato in un nuovo concept di produzione e consumo del cibo specificatamente italiano: parliamo dell’Italian street food. Si tratta, cioè, di quelle ricette regionali che, seguendo la definizione che ne ha dato la FAO, l'Organizzazione delle Nazioni

 

Vuoi scoprire tutti i prodotti del variegato mondo del balsamico e il loro uso  in cucina? Scarica la nostra guida completa!

 

Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, sono costituite da alimenti, incluse le bevande, venduti o preparati in strada o in altri luoghi pubblici come mercatini o fiere.

Gli esempi di questo felice sodalizio alimentare sono veramente tanti. Qui sotto abbiamo raccolto i vari cibi di strada tipici delle principali zone italiane (Nord, Centro e Sud) abbinandoli di volta in volta con un aceto, una glassa o un condimento a base di balsamico. Cosa aspetti, dunque? Scopri su che tipo di Italian street food potrai versare la tua prossima boccetta di oro nero di Modena!

 

Il Nord: aceto per gusti decisi e invernali

Dalla Valle d’Aosta all’Emilia Romagna, dal Friuli Venezia Giulia alla Liguria, lo street food di queste zone è caratterizzato da gusti decisi e calorici, gli stessi che si servono del balsamico per pulire la bocca e il palato.

Il frico friulano, per esempio, è un piatto a base di formaggio di varie stagionature, patate e cipolla che viene spesso venduto durante i mercatini natalizi, proprio come succede con il panettone milanese che, consumato a fette o in dimensioni molto ridotte, viene prodotto con un’abbondante quantità di burro, uvetta sultanina e canditi. Il gnocco fritto emiliano, tipico delle sagre di paese, veniva tradizionalmente fatto dorare grazie all’uso dello strutto mentre è impossibile dire di no a una fetta di strudel del Trentino accompagnato da panna montata o mascarpone.

 

Il Centro: condimento per prodotti di terra e di mare

Lazio, Marche, Toscana e Umbria possono vantare una cucina assai variegata grazie alla compresenza di climi e paesaggi molto diversi tra loro. In questo caso il prodotto migliore da abbinare allo street food locale è il condimento balsamico: dotato di un’acidità più bassa, accompagna il cibo di strada di questa zona creando così un connubio davvero innovativo.

Uno degli esempi più tipici è quello della frittura di lago che, propria della zona del Trasimeno, raccoglie una grande varietà di pesci lacustri dal sapore delicato. Di tutt’altro gusto è, invece, la porchetta, un grande classico dell’Italian street food laziale che ha un sapore deciso che bene si addice a quello più delicato del condimento.

 

Il Sud: glassa per sapori dolcemente… caldi!

Dall’Abruzzo alla Sicilia passando per la Campania, la Puglia e molte altre regioni, il clima caldo e la presenza del mare forniscono prodotti di alta qualità e dai gusti pregiati. Che si tratti di salato (o molto più spesso di dolce), il migliore abbinamento con lo street food di questa zona è rappresentato dalla glassa di balsamico.

Qualche esempio? La pizza napoletana, specie se guarnita da salumi, verdure o formaggi, è la base perfetta per un “giro” del prodotto a base di oro nero. Lo sono anche gli arrosticini abruzzesi, un grande classico delle fiere e delle grigliate con gli amici, come pure il gelato siciliano, meglio se composto da gusti delicati quali la ricotta, il pistacchio o la fragola.

Insomma, la nuova frontiera alimentare dello street food ha volentieri aperto le porte alla tradizione culinaria italiana, rappresentata dai piatti tradizionali e dal loro connubio con l’aceto balsamico e le sue diverse declinazioni. Non è un caso: delicato ma gustoso, questo prodotto nato dal mosto delle uve di Lambrusco e di Trebbiano si abbina facilmente con tutti i sapori, dal dolce al salato, e a tutti gli alimenti, siano essi carni o verdure.

 

scarica la guida i prodotti a base di balsamico e il loro uso in cucina 

MUSSINI NEWSLETTER

Condividi sui Social